31 maggio
2010
scritto da - il 31 maggio 2010

Passare da un dodicesimo posto alla mazza d’oro tre al podio dell’ IHBPC è una cosa un po’ incredibile, detta così. A ben guardare però è stata solo una bel mix di tenacia, caparbietà e perchè no, anche una bella dose di fortuna. D’altronde, piegando un po’ una citazione, ogni torneo è sempre una girandola di “se” e di “ma”.
 

 

A vedere gli accoppiamenti estratti a sorte, il primo girone m’è sembrato subito ben equilibrato: l’entusiasmo di Iride e Cous Cous, pronti all’ennesimo derby al cardiopalma; Un pretendente di primo livello come la Malaforca e un competitor diretto come i veneti Polo Bears, che a Vicenza c’avevano schiaffeggiato sonoramente.
 

 
Per me l’obiettivo era chiaro: concederci il lusso di uno e un solo errore con la Malaforca. Per il resto, raccogliere nove punti e passare come seconda. Incrociando il secondo girone ai quarti avremmo incontrato il più in forma tra Torino e Milano, e poi se tutto fosse filato come da pronostico, di nuovo la Malaforca. Incrociando la parte bassa del tabellone, ero sicuro che spingendosi così avanti avremmo incontrato Riding in Circle o I Carbonari, temutissimi, ma qua i calcoli diventavano stregoneria ed era meglio pensare al concreto.
 

 
Direi che il bel risultato dei Cardinali passa per due partite chiave: quella con i Polo Bears nel girone, che stavolta sappiamo affontare con testa e cuore, e quella con Reparto Pista Torino, forse la partita più bella. Ovidiu, Taka e Salvatore – neri come corvi – spingono tantissmo, sono velocissimi ma siamo bravi a spezzare le loro manovre e ripartire spesso. Facciamo il gioco di una squadra operaia, senza giochi di prestigio, pronti al contropiede; puntando tutto sulla tattica e poco sui dribbling. Passiamo, ma gli applausi sono anche per RP e una strizzatina d’occhio va alla dea bendata: il terzo Torinese titolare, Carlo, è rimasto a casa, e chissà come sarebbe stata con lui.
 

 
La Gioia è già grande adesso, ma guai a sentirsi appagati. Con la Malaforca a questo giro c’è da spingere, sudare e provare il miracolo. Con un nome così, non dovrebbe essere difficile. Allora si comincia, si combatte, e in campo si schierano due squadre diversissime nell’impostazione e nel gioco. I grandi solisti della Malaforca, capaci di saltare l’uomo e puntare la porta con una facilità impressionante, assaltano la nostra porta difesa stretta da chiusure e agganci millimetrici. Reggiamo un tempo che a me pare un’infinito, ma poi le maglie si fanno più larghe, e iniziano ad entrare i gol. Rimane sul taccunio da annotare che le uniche sconfitte le subiamo da quelli che diventeranno i Campioni d’Italia.
 

 
Ora però c’è il dentro-fuori, la battaglia per il terzo posto: l’incubo di restare a casa a mani vuote dopo aver tanto lottato. Come scrivevo, l’avversario è una sorpresa: Bike Pollo Catania, che ha infizato con un sonoro 2 – 0 i Carbonari al girone, passando dunque come prima del suo gruppo. Lì poi ha affrontato lo scontro fratricida con il PoloSud a Bestia, ribaltando uno 0 – 3 in 4 – 3. Superato lo scoglio però, ha avuto di fronte l’ira dei Carbonari, assetati di vendetta. Si ritrovano così – anche loro per uno strano giro fuori da ogni pronostico – nel tritacarne inseme a noi.
 

 
Partiamo dalla fine: qualcosa come 5 a 3 dove più che la classe s’è vista la tigna delle squadre. Credo che qui abbia funzionato molto la pressione sotto la porta siciliana e la tranquillità di aver fatto comunque un risultato, o forse la chiave è stata JuanFelipe, che in mezzo al campo grida “oggi è domenica, è chiuso!”. I catanesi, si sono fatti valere lo stesso, pareggiando e risalendo con tenacia ogni volta che si trovavano sotto. Onore a loro, che ai miei occhi sono stati esempio di valore immenso: fuori dal podio, fuori dai Mondiali, ma felici di aver dimostrato di possedere un’ottima scuola polistica, di essersi battuti fino alla fine, semplicemente felici di esserci, per la prima volta, in mezzo alla famiglia del Polo Italiano.
 

 
E alla fine è andata così allora, coi Cardinali che completano lo stupefacente risultato di sette ragazzi del campetto di San Lorenzo (su nove) che volano ai Worlds. Ci sarà chi storcerà il naso di fronte al risultato, ma così è andata. Vincere e perdere una partita, ingranare la marcia giusta in un torneo, certe volte è questione di piccoli dettagli e catene di eventi che sono impossibili da prevedere.
 

 
Onore a Malaforca e Carbonari, che hanno mostrato un’ottimo italian-polo nella finale combattuta fino al Golden Goal. Due squadre immense, che ormai si danno appuntamento ad ogni torneo. Segno che l’HBP italiano cresce ad una velocità vorticosa, e che l’Europa deve stare attenta.
 
Poi trionfi, spumante, premi, e alla fine il ritorno alla vita normale.
 
 
Le foto sono di CorradoRBP, mentre la dedica è a tutti i giocatori di Roma Bike Polo. Grazie, nessuno escluso.

18 Commenti

  1. JuanFelipe
    31/05/2010
    15:09

    che spettacolo di torneo … incontrare nuove e vecchie faccie poliste e’ stata la cosa piu bella di questo IHBPC ,grandissimi i MALAFORCA e massimo rispetto per Tutte le altre squadre che hanno partecipato.
    Daje Cardinali che oggi è lunedi’ se riapreee!!

  2. Riz
    31/05/2010
    17:52

    Grandi Cardinali… Se devo essere sincero tifavo per voi… GRANDIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII !!!
    A parte il fatto che io e Chiara tifavamo per tutti quelli di RBP (ma tutti tutti tutti nessuno escluso, compresi Thomas, Giulio, Corrado e il grandissimo Giorgio – per non menzionare in quanto scontato: Li Carbonari e il correttissimo e superlativo Alessandro )…
    E va beh, quando si è imparziali si è imparziali!!!!!

  3. corrado
    31/05/2010
    17:55

    ………hai mutuato lo slogan UISP ” nessuno escluso”………..

  4. sapo
    31/05/2010
    18:11

    grandissimi cardinali
    confesso che nella finalina (“ina” una cippa), il tritacarne..non osavo neanche sperare un risultato che sognavo..e cosi ho seguito la partita praticamente in solo audio perchè non avevo il coraggio manco di guardare..grandi!
    .
    Grande racconto Matteo…invidiabile la sequenza dei ricordi..per ora io riesco solo a ricordare..la mia mazza che volava in cielo e gli occhi di jack che mi si avvicinavano…e poi il delirio all’aroma di spumante.
    .
    cmq..immensa impresa!…tutti a Berlinoooo

  5. 31/05/2010
    18:46

    Noi intanto ci teniamo caldi… che siamo pronti sempre al ripescaggio sul discorso dei 2/3 (ovviamente senza augurare alcun malore a nessuno!!!)… ma nulla di personale se i Polli (prendendo in prestito la natura in altro pennuto notturno e rapace) GUFANO bonariamente le prime tre classificate

    Vs. Eminenze,

    mi fa sinceramente un sacco di piacere che andiate voi a Berlino fra tutte le squadre presenti (se fossimo andati noi sarebbe stato meglio!! … ma dovendo proprio scegliere va benissimo che andiate voi: bel gioco efficace e grande simpatia di voi tutti, BRAVI!

    Gli unici rimpianti: il suino piegato e un goal fra i raggi :(

    Ma è andata così, quindi a Berlino SPUNNATELI TUTTI!!!

  6. gio
    31/05/2010
    20:22

    bravissimi cardinali!
    sicuri, veloci, affiatati.

  7. 31/05/2010
    20:44

    ahahah Scimmia! sgrat sgrat…quel discorso è validissimo ma sperem che non tocchino alle eminenze santissime :D
     
    chissà col suino come sarebbe andata: lo scopriremo sicuro alla prossima, che mi ha fatto piacere tantissimo conoscere bravi polisti e belle persone come voi. Ce la farete sempre sudare sul campo e ci ammazzeremo dalle risate fuori.
     
    intanto ci si vede a Ginevra!

  8. Jack
    31/05/2010
    23:09

    Ecco scimmia..per uno dei malaforca come me, le tue speranzE mi invitano all’accarezZamento genitale…ma ovviamente è giusto così.grande matteo per il resoconto,breve ma affossante.grandi gianfi e robbe’…vi auguravo di giocare come sapete e potete..e non vi ho fiarato.bravi.una nota per gianfi..la domenica sarà anche chiuso ma la malaforca c’ha il passpartou:)

  9. jack
    31/05/2010
    23:27

    scimmia…per un malaforca come me , le tue speranze mi spronano al massaggio genitale…ma è giusto così.grande matteo, bel resoconto di percorso personale..breve ma affossante. soprattutto bravi sul campo.vi avevo auguruto di giocare come sapete e potete fare e lo avete dimostrato alla grande…anzi…quasi stupito.bella squadra ,inteligente, compatta.l’esperienza tua, l’estro e capacità di realizzazione di robbè e soprattutto un gianfi strepitoso…tra i più bravi portieri del torneo se non il primo.unica nota dolente…vabbè che era domenica ed era chiuso ma i malaforca c’hanno il passepartou.

  10. jack
    31/05/2010
    23:28

    pensavo non l’avesse preso.non proccupatevi…non è un rito scaramantico

  11. 31/05/2010
    23:31

    I malaforca hanno dovuto forzare le serrature! :D
     
    belle (doppie) parole jack; anche se sei un replicante le tue emozioni sembrano quasi umane.

  12. 31/05/2010
    23:34

    Ah non l’avevo visto: Onore a Torino, la partita che mi ricorderò quando sarò vecchio

  13. jack
    01/06/2010
    00:50

    quasi….

  14. 01/06/2010
    09:36

    Che cronaca Matteo! Mi son emozionato.
    Rimarrà mitico l’urlo e l’espressione di Gianfilippo: “è domenica! E’ chiuso!” Ed è stato bellissimo, da parte mia, da spettatore, vedere una squadra come la vostra che è sempre in crescita, che stringe i denti, che quando sbaglia fa sempre tesoro, ma soprattutto, che ogni volta gioca col cuore. In voi vedo un gioco senza fronzoli, pragmatico, ma soprattutto 3 amici che considerano ogni energia risparmiata, energia sprecata. Matteo comanda, Roberto inventa, Gianfilippo chiude.

  15. Veronica
    01/06/2010
    10:59

    miei cari polisti, siete stati tutti eccezionali, ma lo ammetto, tifavo per malaforca! grandissimi! cmq a berlino verrò a tifare, urlare e sostenere tutte e tre le squadre italiane, tutte di altissimo livello sia agonistico, sia di simpatia. infine un ringraziamento a tutti per avermi sostenuta, anche quando facevo i tiri “a banana” (mica il nome della squadra è a caso…!). mi avete dato forza e soprattutto tantissimissima voglia di giocare giocare giocare!!! a prestissimo!

  16. Jack
    01/06/2010
    14:26

    Ebbravi stronzi

  17. Juan Felipe
    01/06/2010
    17:46

    Eggrazzie malafanese…grandi giocatori grandi amici ….

  18. Jack
    03/06/2010
    21:20

    Che bella gente..un bacio a veronica e pure a gianfi.dajeeee

Rispondi

Devi esse Registrato pe scrive un commento qua.

You can add images to your comment by clicking here.

Vedi un po' qua...


Fatal error: Call to undefined function related_posts() in /home/romabikepolo/romabikepolo.org/wp-content/themes/romabp/single.php on line 89