23 ottobre
2012
scritto da - il 23 ottobre 2012

E insomma ancora Tigers!
Continua la striscia di risultati e primi posti.
I campioni d’Italia non si fanno trovare impreparati e dispiegano il loro gioco astuto e avvolgente con esperienza ed efficacia.
Però questa volta, ci siamo andati vicino.

Con loro ci siamo incontrati tre volte in questo weekend, pareggiando al primo scontro del sabato 2 a 2. Giochiamo presto alla mattina, ancora mica tanto svegli, sia noi che loro. Ma insomma al sabato passano tutte le 16 squadre, perchè massacrarsi? La domenica double elimination brackets.
In virtù della nostro attacco più prolifico chiudiamo imbattuti in testa alla classifica generale del sabato ( perfetto per noi cosicchè la domenica possiamo incontrare le Tigri solo nella finale WB)

Il percorso per la finale ci oppone ai Crazy Vienna, poi Flamingos poi Milano Analfabeta , poi perdiamo coi Tigers in finale del WB; quindi nel looser bracket di nuovo contro Milano fino alla finale di nuovo contro Tobia Mattia e Cento.

Dopo il 3 a 1 con cui hanno conquistato la finale e ci han spedito nel looser, abbiam capito che giocare con un atteggiamento attendista non paga. No sudditanza psicologica.
Allora cambiamo: loro sono esperti nel power play e devi cercare di spezzare le loro trame sul nascere, non aspettare che il portatore di palla abbia il tempo di pensare. Quidi pressing alto fin nella metà campo avversaria, sul portatore, a volte subendo il “torello”, a volte però rubando palle preziose. Il lavoro sporco quasi sempre lo faccio io, Sapo e Valerio pronti a raccogliere le palle vacanti e ripartire in velocità.

In effetti la finale è stata fisica qb, senza eccessi nè follie particolari, spesso interrotta per le cadute dolorose e per rotture (il mozzo di Tobia, la sella di Mattia, il mio copertone post e per ultima la ruota anteriore della Sapobici ormai denudata di raggi.)
C’è voluta tanta tanta tigna, e al secondo pareggio agguantato, sul 4 a 4, durante l’ interruzione per time out tecnico… sentivo che ce la potevamo fare, (quanto meno a macchiare il loro pedigree con una sconfitta, poi… chissà la seconda eventuale finale sarebbe stata un bagno di sangue sudore e lagrime)
Purtroppo durante il time out, Sapo non è riuscito a trovare una ruota anteriore adatta all’Anonima e ha giocato il resto dei 6 secondi di regular playing time e i successivi minuti fino al Golden Goal, con la bici di Guglie. In porta.
Io ero abbastanza spompato, ma sapevo di dover continuare a tenere le tigri lontano dalla porta e sperare in qualche break offensivo.
Invece durante la pausa i 3 tigers son stati a tessere e confabulare e alla ripresa son rivenuti sotto in 3. Cento portapalla e Mattia e Tobia  come avvoltoi davanti alla mia ruota. Svicolo, spalleggio, faccio meno piedi che posso, però  dai e dai il Canesio si trova a tiro e t’indovina il buso in mezzo a 4 rode e c’ infila il pero della vittoria.
Bravi, maledetti, ma bravi.

Roma: alla mia squadra non devo rimproverare nulla. Ad alterne partite tutti ci siamo messi in luce, in un crescendo di prestazioni. Come è naturale, incontrando man mano squadre più toste, abbiamo giocato meglio.
Soffriamo il pressing, per colpa di una ancora insufficiente propensione al passaggio veloce, prima di avere l’uomo addosso. Però (almeno contro squadre come i Tigers) quando teniamo alta la squadra, esercitando il nostro pressing, le cose vanno meglio.
Sapo è un campione, là davanti che fa gol a raffica. Non puoi proprio dire nulla, anche in difesa è stato più volte risolutivo. Valerio ha avuto problemi al freno anteriore, senza riuscire a risolverli definitivamente, le sue percentuali di tiro non sono state come quelle romane, ma ugualmente pesanti quando c’è stato bisogno. Ha lavorato tantissimo in difesa dando solidità e affidabilità. Io credo di aver giocato in gran parte a liberare i miei compagni dalle marcature degli avversari, giocando il mio polo di blocchi. Eccetto nelle ultime partite, ho tirato male, con troppa fretta, ma si sa, le motivazioni possono tirare fuor tiri che neanche  sai di avere.
In particolare il rovescio al volo che ci ha portati nella finale al 3 a 3, lo incornicio come mio momento migliore.
Come prima volta alla fine mi sembra non male…Daje Roma!

Le altre

Flamingos: Mike, Stefano e Zaff. Che spettacolo ‘Sterpenna! un mancino così rompicazzo non s’era ancora visto. Gran volume di corsa, tricks , equilibrio ed un tiro fulminante da qualsiasi angolazione. Se solo il 10% dei tiri cogliessero il bersaglio porta, sarebbero stati gol pesanti. Per Zaff discorso simile, anche lui veloce e sfuggente, manca nella freddezza in fase conclusiva. Mike mi piace un sacco come giocatore: secondo me quello più confidente con il saltellare, forse l’avrei sfruttato di +, invece gioca spesso come regista ditero le linee mandando emissari le sue giovani e veloci ali.
Un altro che ci odierà finchè non riuscirà a batterci :)

Bam: è presto per giudicare, Luca sente forse la pressione psicologica di dover fare bene. Punch a sprazzi si sveglia e ci fa vedere quel giocatore che è. Ricky un pò in ombra rispetto a quanto visto a Fano.

Prugne: ottima difesa, gran lavoro di Guglie, sempre dappertutto e velocissimo.
Sisso sempre più freddo e risolutivo in porta, e quando si propone in attacco scocca bei tiri dalla media distanza. Ale solito cecchino dal tiro sorprendente, si sacrifica spesso in chiusure e efficaci coperture. Uno dei loro tornei migliori.

Crabs: ci sono, ma sono poco prolifici di gol: segna quasi sempre solo Jack. Tommy smadonna e si danna. Angelucci il più calmo. Son proprio astici, questi crabs !

Milano: Che peccato aver guastato le nostre partite con con i fratelli Analfabeti con discussioni e inutili eccessi di foga.
Ci danno filo da torcere e si meritano il terzo posto. Matteo e Danka si sono incastrati bene con il pazzerello Bozo, sostenendo attacco e difesa e segnando tutti e tre.
Daje.

Rockets: Lo so, per qualcuno  (tranne a Canesio) organizzare pesa sul rendimento: contro le Prugne i Rockets han giocato molto al di sotto delle possibilità; insomma una squadra che ha tenuto testa agli Edisons fino al beerpoint, non è quella che abbiamo visto perdere contro Sisso e compagni, senza togliere meriti alle Prugne che invece hanno fatto la partita della vita. Luca è parso tornare a dormire dopo il subitaneo vantaggio, Giorgio più arrendevole del solito (troppo o troppo poco rhum in corpo?) hanno lascito che pian piano il gioco tornasse in mano ai Vicentini che han saputo sfruttare le poche ripartenze concesse. Peccato, io ho giocato contro Noce e compagni in una delle partite del Mixed team del sabato, ma mi sarebbe piaciuto rigiocare la partita dello scorso weekend a Milano.

Mantova: e’ stato bellissimo intanto che ci fossero. A Milano ci siete mancati.
Avrebbero potuto ambire a qualcosa in più se i due gironi del sabato fossero stati più equilibrati, invece si son trovati nella fossa dei serpenti che non han guardato in faccia a nisuno. Comunque obiettivo centrato, Ketamelli, no? mi diceva che sarebbe stato contento di perdere le prime due partite della Domenica…. Mi sembra che ci siamo, no?

Pilo polo: con Fabio al posto di Taglio, un pò sfortunati, un pò sottotono. Però sempre pronti al sorriso e a dare una mano. Grazie per il copertone, Corbe!

Lonigo: Mi piacciono stì ragazzi, son veloci, moolto ordinati, hanno idee chiare e sufficiente calma. Son affiatati, si passano la palla con precisione e Edo è un buon attaccante, con qualità di tiro e di dribbling. Per loro vale il discorso del Polo bears e dei Bigstick: se non si perdono appresso alla figa, l’alcool e i soldi facili (proventi delle lucrose turneè di Bikepolo) faranno vedere belle cose.

Polipolo: Arri mantice assoluto, è un trascinatore, Gau e Jury faticano un pò a trovarsi.

Polomon/Golomon: scusate ma manco mi ricordo chi sono…

Le straniere:
peccato che la presenza fosse così esigua.
I ragazzi di Graz/Vienna dei Banana Thieves, giocano da 1/2 anni e non sono veramente una squadra, ma le individualità interessanti ci sono e hanno vinto almeno 4 partite.
Licitar, la squadra di Zagabria, ha mostrato un polo ancora acerbo; si son divertiti molto comunque :)
Crazy Vienna, (il polo romano del 2009). Simpatici ma alla fine squadra materasso. Tutti i Viennesi salutano Lili ( ah ma chi?  Lele!)

Le note di colore

Resterà indimenticabile la lunga sessione di minipolo di sabato notte.
Anzi mi associo a chi lo vuole proporre come tappa fissa di ogni prossimo torneo.
Un campo da quattro metri per due. Due bici sgangherate, relativi minimallets, un manipolo di giocatori buontemponi, un pubblico sganasciato dalle risa e Ricky maestro di cerimonia han trasformato il gioco ad un livello di massacro etilico senza scampo. Chi segna beve, cambio bicicletta a metà partita, arbitraggio ad alzata di mano, vittoria per acclamazione o resa dei contendenti…
Erano anni che non ridevo così tanto.
Il tutto mentre si svolgeva un concerto punk andato totalmente deserto da parte dei polisti.

qualche foto qui

A seguire si rientra nella palestra /dormitorio gentilmente messo a disposizione dalle ragazze dello street hockey.
Siamo circa una ventina di persone accampate per terra nello stesso ambiente.
C’è chi dorme già, ma Ricky non è ancora pronto alla nanna e inizia un paio di giri di “bacetti ” della buonanotte…Potete immaginare le reazioni. Pare che qualcuno degli stranieri abbia preferito trasferirsi all’adiaccio per riuscire a dormire.

Quando finalmente la verve di Ricky s’è chetata, ha subito attaccato a lavorare il turno di notte della premiata segheria Circus. Concertino per fiati e controfiati e zufoli.
Alla fine la stanchezza e il rhum hanno avuto ragione di me: mi sono addormentato anche con il tappeto acustico di russatori professionisti.
M’ha ricordato tanto quando andai in vacanza in colonia a 10 anni.

http://hardcourtitalia.challonge.com/circus2

Grazie a tutti per lo spettacolare evento. A Giorgio, Noce, Cento e Arri che mi pare habbiano fatto il grosso.
Grazie a Gau per lo speakeraggio.

Grazie a Bozo per quello che mi hai detto dopo la finale, e perchè le tue incazzature in fondo durano il tempo di un fuoco di paglia.
Grazie a Tommy e Jack per averci restituito il fuoriclasse :) e per continuare a volerci bene lo stesso…
Grazie a Juri, il nostro primo fan :)

Ai miei compagni de Roma: era ora, diobono!

ah dimenticavo, grazie alla mia bicicletta per non essersi rotta neanche questa volta (…sì lo so ora ti cambio il copertone)  anzi, grazie a 12 presto avrò una rota nova:)

se vedemo al Leoncavallo!

 

12 Commenti

  1. 23/10/2012
    10:15

    Grande Roma. Mi avete fatto venire l’esaurimento! Mi sembra che ci siamo, no?

  2. iac
    23/10/2012
    10:17

    Bravi ragazzi!!!

  3. sapo
    23/10/2012
    10:30

    Torneo riuscitissimo
    atmosfera dei tempi mitici
    my minipolo il domani
    ho tutta la parte destra del corpo gonfia e viola verde (a tratti me faccio schifo da solo) quindi lovvo tutti/tutti con la sinistra
    voglio vivere a Porcìa
    mi associo a tutti li ringraziamenti del compagno Flore e ribadisco il Grazie ai grandissimi Rockets, Arri e Cento che si sono accollati la cosa.
    e dedico ai Fratelli di Milano (chi l’avrebbe mai detto!? roma/milano e amore fu)
    questa che mi piace tanto
    http://www.youtube.com/watch?v=0DcGApVitTo

  4. 23/10/2012
    16:21

    Un weekend ed un torneo da paura. Mi sono divertito come un bambino sia fuori che dentro al campo. C’è un po’ di amaro in bocca per il goldengol coi tigers ma come prima uscita per la nostra squadra mi reputo più che soddisfatto.
    Grazie Marco, grazie Sapo.

    Spero di rivedere tutta la famiglia polistica il prima possibile.

  5. tobia
    23/10/2012
    17:17

    bello!!
    un bacio con la lingua tutti voi.

  6. 24/10/2012
    02:32
  7. 24/10/2012
    10:23

    Oh Madonna! Come ballerino sono peggio che come polista! Da gif animata!

  8. marco
    24/10/2012
    10:35

    Hai stile fratello! quando ti scaldi tu si scaldano tutti…

  9. 24/10/2012
    10:46

    Matteyo.gif

  10. 24/10/2012
    14:21

    in realta è la danza del sole….LOL

  11. lele
    24/10/2012
    14:52

    Bella pe voi e grazie per i saluti

  12. 24/10/2012
    21:21

    La seconda chicca

E mo te tocca risponne...

You can add images to your comment by clicking here.

Vedi un po' qua...


Fatal error: Call to undefined function related_posts() in /home/romabikepolo/romabikepolo.org/wp-content/themes/romabp/single.php on line 89