20 luglio
2010
scritto da - il 20 luglio 2010

Foto di Veronika Eder

Mais pourquoi, lorsque je viens à l’extérieur, tout semble toujours pire?
Peut-être parce que Genève est une ville ordonnée, belle et heureuse, et les gens du Polo est magnifique … mais le retour dans la chaleur de Rome est toujours un traumatisme du tiers-monde.
Je ne vais pas être long, bien que ces cinq jours ils semblaient plusieurs semaines.
Nous étions les invités de Clément (celui de la photo), qui ont partagé son appartement avec moi et Sapo. Nous avons pensé qu’il était juste un des Joueurs de Genève (en jeu fait partie de l’équipe “Iron Ponies”), au lieu de cela, de parler, nous avons découvert qu’il a été mis à jour le site afin de coordonner l’organisation de la médiation des discussions sur les règles, et même à concevoir l’affiche et des T-shirts !
Donc, j’ai été impressionné par le calme et le sérieux avec lequel, même avec des milliers de gallons de bière et de rires, tout va bien … félicitations dernier cours à tous.
“L’équipe” reste une longueur d’avance … et peut-être plus encore que quelques pas.
Aliens, mais champions de l’humanité, tout à fait humble et souriant, nous avons travaillé au coude à coude pour monter et démonter les trois terrains. Les autres concurrents étaient très agressifs et pour la première fois nous avons vu “Csmic Threee” les champions l’Angleterre, offrir un Polo véritable stellaire (s’il vous plaît laissez-moi les calembour)
Félicitations aux nouveaux arrivants qui ont surpris et aux équipes qui ont confirmé leur solidité.
Personnellement je n’ai jamais vu jouer les “Rolling Hoods”, protagonistes d’un retour phénoménal 0-4 à 5-4 contre les jeunes favorisées “Polosynthese”, champions d’Allemagne.
Qu’est-ce qu’un jeu! Et les Berlinois de “Bamboule” qui ont battu “l’équipe” lors du tour préliminaire!
Bravo aussi aux nouveaux arrivants “Polo Erotica ” de Copenhague et à Budapest (notre seule victoire) et à
“Motorfuckers” brut, mais aussi efficace et rapide de Genève (aussi je voudrais m’entraîner avec l’équipe chaque semaine!) Ils sont également grands “Rotten Apples” cute-delà de la par des criminels..” Toros “sont impressionnants et “Bad Polo” toujours soutenu par tout le public britannique.
Fantastic enfin en revue les frères Belle (plus le père et le troisième frère) et le grand Lucas de “El Club”
ils ont mis quatre matchs à revenir faire leur jeu, ils ont augmenté progressivement jusqu’à la finale du Winner’s Bracket..
“L’équipe” ils ont battu 5 à 1 mais, malgré le résultat (aussì RBP, en la personne du soussigné, a glissé une balle dans le port de Mario)se sont battus jusqu’à un certain point .
Peut-être parce qu’ils étaient épuisés, ils furent vaincus par les “3 cosmique”

En ce qui concerne le petit PoloVelo italien, les seuls qui se sont distingués sont “RC Vicenza” et “Malaforca”, protagoniste de redémarrer héroïques et des moments catastrophiques de la folie. Nous avons vu un Cento efficace en bonne forme, bien affaibli par une méchant distorsion et un Tobia ordonnée et mordant de loin.
Espace à partager pour le gaucher Gianluca.
Pour les champions italiques reste à être déclarés une bonne pluri-blessè Sapo et de l’habituel hystérique querelle entre Jack et Tommy. Rien de nouveau sous le soleil:)
D’autres qui disent: Bike Pollo et Roma sont livré bataille pour suicider le pôle italien au premier tour:
actuellement Bike Pollo gagne deux matchs à un.
YPMY je ne voyais pas, mais je pense pas eu beaucoup de chance. niveau était très élevé.
Milan n’a pas non plus allé au-delà de la ronde préliminaire. Il est dit que Nora a pris seulement que deux buts alors qu’il était dans l’objectif:)

Et avec les mains vides dimanche, nous avons fait le touristes encore, discutait encore trois matchs de le “mini-tournoi des les Malheureux” (qui nous avons perdu contre 3 enfants de Hambourg) et, comme il alterne jeux avec les meilleurs en Europe … à chaque fois que nous nous sommes promenés à cheval Menabrea et tout semblait dilatés lourde et lente.
Mah!

Voici un résumé des leçons apprises et des raisons techniques que nous devons réfléchir très

le Polo est toujours un jeu et que vous avez toujours avoir du plaisir… mais certains le prennent très au sérieux et d’autres moyens le Championnat d’Europe comme des vacances.

Les vélos sont tous différents, mais nous disons que tendent à être plus robustes et moins lourds.
La vitesse que vous voyez maintenant est susceptible d’avoir besoin de protection au niveau des genoux, des mains et des coudes (de plus en plus, le visage sera protégé)
Les fixes sont désormais environ 20% par rapport à la roue libre
Beaucoup utilisent le frein avant est nécessaire dans plusieurs cas, d’essayer de sauter en levant la roue arrière pour se rapprocher du pôle, dans les ports, et pour éviter de tomber quand, après une collision avec l’adversaire reste à peu près stationnaire.
J’ai vu beaucoup de la recherche sur la tête des maillets: considérer que le trou latéral sur le côté long du maillet est autorisé à faire ball-joint et puis tirer!)
Il est également très utile pour détacher la balle finit par glisser tour de la banque.
Nous avons vu de nombreux accidents et des substitution (rupture plus souvent de le maillet ou la courbure de la jante, mais souvent fourchettes et aussi le cadre)
Nous devons apprendre à faire les blocs et les rendre physiquement (dans le sens de prendre la vitesse pour donner une épaule à l’homme que je veux tenir à l’écart du jeu) qu’il semble mauvais, mais les Américains vont faire pour le WHBPC et ils sont beaucoup plus habitués à recevoir un traitement physique de l’adversaire.
Nous devons apprendre à faire un jeu circulaire fait pour des mesures rapides et précises (1 étape et le toucher, ou mieux encore à la volée) pour Voyage du ballon et non pas l’homme.
lorsque vous marquez un but, vous allez tout droit vers la porte sans se faire trop de compliments.
Nous devons mettre le vélo à roulettes dans le cul, comme Mario, potière de “l’équipe”, même à bloquer des tirs à mi-hauteur sous la barre transversale (et je vous assure contre les vaches sacrées ne sont pas si rare)
Tôt ou tard, nous devons essayer de pédales avec déclenchement automatique.

En bref, il reste encore beaucoup à faire et, Ziocan!, n’ont toujours pas un putain de champ avec les banques!
Je m’excuse pour les erreurs: est la faute de Google:)

Ma perchè quando torno da fuori, qui mi sembra sempre tutto più brutto?
Sarà perchè Ginevra è una città ordinata, bella e felice, e il popolo del Polo è meraviglioso… però il rientro nell’afa romana è sempre un trauma da terzo mondo.
Non voglio dilungarmi molto… anche se questi cinque giorni sono sembrate settimane…
Siamo stati ospiti di Clément(quello nella foto), che ha diviso con me e Sapo il suo appartamento. Pensavamo fosse solo uno dei giocatori di Ginevra (infatti gioca negli Iron Ponies), invece chiacchierando abbiamo scoperto che è lui ad aggionare il sito, a coordinare l’organizzazione, a mediare le discussioni sulle regole, e perfino a disegnare la locandina e le magliette!!
Insomma sono rimasto impressionato dalla calma e dalla serietà con cui, pur con mille risate fiumi di birra e altro, tutto sia scorso naturalmente bene… complimenti a tutti.
L’equipe si conferma un passo avanti a tutti… e forse anche un paio di passi.
Alieni ma campioni di umanità, assolutamente umili e sorridenti: abbiamo lavorato spalla a spalla per montare e smontare i tre campi. Le contendenti sono state decisamente agguerrite e per la prima volta abbiamo visto i Cosmic Three campioni di Inghilterra, esprimere un polo veramente stellare (mi si consenta il giuoco di parole)
Complimenti ai newcomers che hanno stupito e alle sicurezze che hanno confermato.
Personalmente non avevo mai visto giocare i Rolling Hoods, protagonisti di una rimonta fe-no-me-na-le da 0-4 a 5-4 contro i titolatissimi giovani Polosynthese campioni di Germania.
Che gioco! e che dire dei berlinesi Bamboulè che nei gironi preliminari hanno battuto l’Equipe!!
Bravi anche i newcomers “Polo Erotica” di Copenhagen e gli sconosciuti di Budapest ( la nostra unica vittoria)
Rudi ma efficaci e velocissimi anche i Motorfuckers di Ginevra (anche io mi vorrei allenare tutte le settimane con l’Equipe!!) Grandi i Rotten Apples simpatici al di là dell’aspetto da malfattori. Impressionanti i Toros al completo e Bad Polo sempre supportati da tutto il pubblico inglese.
Fantastico rivedere finalmente i Fratelli Belle (al completo di papà e terzo fratello) e il grande Lucas del Club.
A carburare c’hanno messo quattro partite, ma poi si sono riscattati finendo nella finale del Winner’s Bracket.
L’equipe li hanno battuti 5 a 1 ma a dispetto del risultato ( anche RBP ,nella persona del sottoscritto, ha infilato una palla nella porta di Mario) se la sono combattuta almeno fino ad un certo punto.
Probabilmente esausti si son fatti battere subito dopo dai Cosmic vincitori del Loser Bracket, che avevano giusto sconfitto un paio di partite prima.

Quanto al piccolo polo italiano gli unici che si sono distinti sono RC Vicenza e Malaforca, protagonisti di eroiche ripartenze e disastrosi momenti di follia.
Abbiamo visto un efficace Cento in ottima forma anche se fiaccato da una brutta distorsione e un Tobia ordinato e pungente da lontano. Spazi alle ripartetnze anche per il mancino Gianluca.
Per i campioni Italici da segnalare un buon Sapo pluriinfortunato e i soliti isterici batticbecchi in campo tra Jack e Tommy. Niente di nuovo sotto il sole:)
Degli altri che dire: Bike Pollo e Roma se le sono ridate suicidando il polo italiano nel primo girone: ha vinto Bike pollo che conduce le statistiche due a uno.
YPMY non l’ho potuto vedere, ma mi sa non ha avuto molta fortuna. il livello era veramente alto.
Milano pure non è andata oltre i gironi preliminari. Si dice che Nora abbia preso solo due goals quando era in porta:)

E quindi con le pive nel sacco domenica abbiamo fatto da turisti disputando ancora tre piccole partite nel minitorneo degli sfigati ( che abbiamo perso contro 3 bambini di Amburgo) e mentre si alternavano partite con il meglio del meglio europeo… ogni tanto si tornava in sella alla menabrea e tutto sembrava dilatato farraginoso e rallentato.
Mah!

in sintesi le lezioni apprese su cui ragionare sono tante: alcune tecniche altre motivazionali….
E’ vero è un gioco e ci si deve sempre divertire… ma c’è chi per divertirsi lo prende molto seriamente e chi prende gli europei come una vacanza.
detto ciò alcune cose che ho notato:
Le bici sono tutte diverse ma diciamo che tendono ad essere più robuste e meno pesanti.
La velocità che oramai si vede è tale da necessitare di protezioni alle ginocchia, alle mani e ai gomiti ( sempre più anche il viso sarà da proteggere)
Le fisse sono ormai circa un 20% rispetto alle libere.
Molti usano il freno anteriore che serve in diversi casi: per cercare di saltellare sollevando la ruota posteriore per accostarsi al palo quando si è in porta; e a evitare di cadere quando dopo un urto con l’avversario si resta quasi fermi ( vedi sulle palle incastrate nell’angolo et similia)
Le mazze si sono comportate bene ma ho visto ancora moltissima ricerca sulle teste:considerate che con il foro laterale sul lato lungo del mallet è consentito fare ball-joint e poi tirare!!)
Inoltre è molto utile per distaccare la palla che finisce per scorrere accostata alla sponda e non riesci più a distaccarla.
Si sono visti molti incidenti e sostituzioni ( la più frequente rottura della mazza e piegatura del cerchio, ma anche forcelle piegate e personalmente rottura del fodero del carro: foto)
Bisogna imparare a fare i blocchi e a farli fisici ( nel senso di prendere velocità e puntare decisamente a dare una spallata all’uomo che voglio tenere fuori dal gioco) detto così sembra brutto, ma ai mondiali gli americani lo faranno e sono molto più preparati di noi a ricevere un trattamento fisico dall’avversario.
Bisogna imparare a fare un gioco circolare fatto di passaggi repentini e precisi ( 1 tocco e passaggio, o meglio ancora al volo) fare viaggiare la palla e non l’uomo.
Bisogna pararsi il culo immediatamente sulla ripartenza dopo un gol, senza perdere tempo a farsi troppi complimenti.
Bisogna impostare la bici per poter impennare “di chiappa” come fa Mario, il potiere dell’equipe che para anche i tiri a mezz’altezza sotto la traversa ( e vi assicuro che contro i mostri sacri non sono così infrequenti)
Bisognerà provare prima o poi i pedali con lo sgancio automatico.

Insomma: c’è ancora un sacco da fare e Ziocan non c’abbiamo manco un cazzo di campo colle sponde!

22 Commenti

  1. rob
    20/07/2010
    19:18

    grande marco,
    ce poco da fà, per diventare più forti bisogna giocare contro i più forti

  2. pas
    20/07/2010
    20:42

    Ottimo reportage marco, concordo con te su tutto, l’umiltà e serenità degli equipe li rendono simpatici anche se continuano a vincere, antropologicamente le simpatie dei non direttamente coinvolti dovrebbero spostarsi verso il più debole invece in molti nella finale eravamo contenti di vedere vincere gli svizzeri che quando non è necessario non la mettono mai sul fisico. Noi nel girone ci siamo scontrati sia contro di loro che contro i succitati bambulè perdendo entrambe le partite ma mentre non ricordo di aver subito nemmeno un fallo giocando contro gli equipe i teteschi non ci hanno pensato due volte a mazzulare sgomitare ed adagiare i loro piedini 56 su ruote e bici….
    complimenti ai malaforca ed ai riding che sono riusciti ad esprimersi a buoni livelli.Ci ha ragione rob per migliorare bisogna giocare coi migliori dai quali ad ogni partita si impara qualcosa, cercheremo di avere il magior num,ero di occasioni per farlo… ora dopo 24 ore di macchina, sudore, odori sgradevoli emanati da panni sporchi e intestini violenti mi vado a fare una doccia e poi a letto rimpiangendo la frescura assillante del bunker, da domani consapevoli che possiamo solo migliorare si torna a giocare…
    ps matteo ci ho pensato, ci ricorderanno come quelli che dicevano più minchiate….

  3. sapo
    20/07/2010
    22:22

    quando non è necessario non la mettono mai sul fisico
    e non solo loro
    se serve, purtroppo serve, altrimenti meglio di no.
    non cedere al lato oscuro della forza Luke!
    .
    cmq nemmeno una menzion e per il gol che ha tenuto banco nella prima mattinata!

  4. 21/07/2010
    01:25

    Aspettavo er riporto un pò come le mie piante aspettavano l’acqua dopo questo w/e. Discuteremo sicuro piu approfonditamente le molte e belle cose espresse in queste righe. per ora mi limito a citare la parte in francese che dice:”…les seuls qui se sont distingués sont “RC Vicenza” et “Malaforca RC…”
    :D
    un saluto a tutta la roma poloistas.

  5. corrado
    21/07/2010
    01:48

    bella chirurgo! è sempre emozionante il tuo report.

  6. 21/07/2010
    02:56

    @ Pas:minchia 24 ore in auto non le consiglio a nessuno.
    @ Sapo: sono stato supersintetico:)
    @ Tobia: sì sono solo alcuni degli spunti per lanciare una discussione…ehm Malaforca RC l’ho corretto.
    @ tutti: il mio francese è quello che è, e google mi suggerisce continuamente traduzioni a cazzo… par conséquent … Toutes les corrections sont les bienvenus:)

  7. 21/07/2010
    03:04

    a proposito eccco la foto dell’invasore di campo: me l’ero perso:)!37698_10150223028415512_705850511_13952313_708545_n.jpg

  8. 21/07/2010
    09:34

    bello il report, mi ha colpito il discorso dello sgancio rapido,come mai dici che sarebbe da provare questo tipo di assetto per i pedali?

  9. 21/07/2010
    09:56

    ahaha anvedi quang e gianluca a bordo campo come se divertono! :D
     
    sgancio rapido: per me ci si guadagna solo gran botti e stop. certo in teoria la pedalata è più efficace, ma gli svantaggi paiono troppi. Tentar non nuoce, in ogni caso; un paio di spd usati li si trova facile.
     
    A sto giro la cosa era ben diversa da barcellona. Vuoi che non c’era più quell’emozione della prima volta, vuoi pure che la svizzera non è la catalogna. Tutto molto ‘duro’: qua i forti erano davvero di un altro pianeta. Ci sono state squadre validissime come gli stessi 24h polo people (per rimanere mediterranei) che non hanno passato i quarti del loser bracket.
    In ogni caso, il popolo del polo è sempre bellissimo, con casa italia sempre più estesa e compatta – è stato bello vedere il tifo di tutti per i connazionali che andavano avanti, le minchiate a bordocampo e le analisi tecniche da raisport. Un bel segnale che mi fa ben sperare: Uniti, per Dio, chi vincer ci può?

  10. 21/07/2010
    10:27

    anche secondo me lo sgancio rapido è più danno che utile,rischi sempre nelle azioni concitate di cadere per terra come un sacco di patate, la cosa non mi convince molto, poi magari tra un anno tutti giocheranno con lo sgancio rapido!

  11. 21/07/2010
    10:30

    Però è bello sperimentare…anche se, quando vedi quello dell’Equipe che gioca con una mtb da supermercato, con tutto il cambio montato e la forcella ammortizzata e pure la borraccia sulla canna…allora beh, cominci a vedere le cose nella giusta dimesione :D

  12. 21/07/2010
    10:42

    maradona palleggiava con le arance!

  13. 21/07/2010
    11:01

    comunque il discorso dello sgancio rapido è collegato al fatto di saltellare con la bici… se si riesce a farlo si mantiene l’equilibrio invece di cadere come sacchi de patate. però immagino che abbisogni prendere dimestichezza… buona l’idea del pedale usato.

  14. 21/07/2010
    11:04

    ahhh ma allora ti basta un power grip autocostruito:
     
    20090224-1fxgpkpnb24jqs33dpigjry9qb.jpg
     
    certo però che co la menabrea…avoja a saltellà!

  15. 21/07/2010
    11:09

    Te li puoi fare anche con una vecchia cinta di cuoio (io sulla mia cinelli fissa li feci così)
     
    img7.jpg

  16. Juan Felipe
    21/07/2010
    17:44

    Bello report!
    Yes we can

  17. pas
    21/07/2010
    17:45

    Diamo a sapo quel che è di sapo ha fatto un gol stupendo e concordo nel non dover cedere al lato oscuro, specie se non nasci colored clown …. ma almeno allenarlo, anche se sto facendo un pensierino ad un casco stile dart fener climatizato. i pedali a sgancio hanno pro e contro i contro li ho ancora tatuati sul culo dopo l’ultima caduta.

  18. 21/07/2010
    17:50

    ah è vero pasquà…tu hai gli spd montati, giusto?
     
    rrragazzi…sapo quella mattina ha fatto un eurogol ai Toros! un missile terra aria che da 10mt s’è infilato velocissimo a mezza altezza dritto dentro la rete. applausi

  19. pas
    22/07/2010
    11:07

    Si sono una reminescenza di quando facevo mtb, quindi diciamo che già li sapevo usare e non è stato traumatico usarli sulla bici da bike polo. ma a volte si cade lo stesso

  20. 23/07/2010
    15:49

    confermo l’eruogoal di sapo. non ci potevo credere.

  21. 23/07/2010
    21:55

    Forza Italia!!

    i was Wonderful to see italy really present aver the tournament! Part of me is happy for not playing against any one of us… part of me is sad…

    But as you could see the first time is when you most learn, and that is polo!

    Thanks for the support… it was amazing!!

    We see in the next european, in the worlds, and Los Belli told me that we are going somewhere in september… or november???

    more info please!!!

    I´ll be able to write and speak italian… hope soon!!!

    Un Abrazo forte,

    Lucas

    club!club!club!club!club!club!club!club!club!!!!

  22. 24/07/2010
    01:50

    Ola Hermano
    Yeah! with that surname you should speak and write fluently italian!:)
    Of course we’re happy to have avoided playing against you…
    It would be “una schiacciata di sangue” a bloodbash!
    Yeah as first time we made a lot of experience… I’m overwhelmed by such a mass of things to test and to learn…
    I hoped we could qualify… but at the end the group was hard and the average level was putain high.
    Well at least we made the same score as U against L’Equipe ;)
    The date we’re thinking about is November 1st…
    Before that date we have to organize the 4th edition of “La Mazza d’oro”, an all-italian tournament… probably at the end of September.
    Asap we’ll inform you and all other interested teams.
    A big big hug a todo el Club! y a los amigos de Barça.

E mo te tocca risponne...

You can add images to your comment by clicking here.

Vedi un po' qua...


Fatal error: Call to undefined function related_posts() in /home/romabikepolo/romabikepolo.org/wp-content/themes/romabp/single.php on line 89