20 ottobre
2010
scritto da - il 20 ottobre 2010

Milano ci ha organizzato proooprio un bel torneo, bravi Truffa, Frank, Bozo, e tutti gli altri che hanno aiutato. Qualche imprevisto oltre alla tipica pioggerellina ed un clima preinvernale, hanno acccompagnato la scivolosa alleycat di sabato e piacevolmente giustificato il torneo indoor al Leoncavallo, “centro sociale” di cui tanto si parla fin dagli early 90′ e dove mai ero stato.
E’ stata occasione per vedere tanti amici conosciuti in quest’anno e mezzo di polo e per vedere qualche volto nuovo che comincia a volteggiare le mazze. Il sottoscritto si presenta con il team Polodervishi, come sostituto di Jack dei Malaforca, insieme a Sapo e Tommi.

Accampati a casa del buon Scarface – Bozo precediamo la domenica del torneo con una notte brava:un barile di birra a testa, quattro ore di sonno ed un leggero cerchio alla testa che smetterà di infastidirmi dopo pranzo. Per fortuna almeno Sapo dorme. Comunque sia non siamo i soli ad aver bisbocciato fino a tarda notte al Leoncavallo. Domenica la sveglia è puntata alle 8, ma prima delle 9 nessuno si smuove dal letto.
Piove da quando ho messo piede giù dal treno. Ci bardiamo per quanto possibile e si va a giocare. Si arriva già in ritardo ma in tempo per allestire la bici e partecipare ad un bottom bracket surreale improvvisato in un campo appena sopravvissuto alla dance hall della serata precedente. L’aria è ancora densa di fumo, maglietta sudata e rutti di birra.
Un addetto alla pulizia imperturbabile percorre avantiendrè la pista con una pulitrice elettrica mentre intorno a lui sfrecciano biciclette e fischiano pallettate.
Bozo ostenta un collare ortopedico e un megafono al collo che gli danno quel nonsocchè di kombat-rapper che tidico tidico.
A fatica si aduna il polopeople, breve racap del formato del torneo e si va a cominciare (senza tap) con la prima partita.
I quattro gironi da quattro producono due qualificati alla fase finale a doppia eliminazione mentre il terzo classificato direttamente accede al loser bracket. Il quarto è fuori dopo tre partite.

I gironi

Assistiamo all’incredibile: Mantova c’è e si fa sentire, fioccano gol e parate memorabili e un Ketam in splendida forma si può permettere di sciupare un gol a mezzometro dalla porta vuota! Assoluta outsider, Boneshaker finirà sesta…ehm quinta,disputando 4 partite per la prima volta oltre la fase a gironi!! Miglior prestazione di sempre. Buono il torneo di Reparto Pista che regge l’assalto degli ottimi Polipolo in una partita densa di cadute, cerchi piegati, forature e mazzate: “gianduia e sangre” prosegue con prestazioni da fight-polo. Qualche richiamo alla calma da parte degli arbitri, prima che il livello s’ incattivisca troppo.
Dicevo Polipolo: buon inizio, ma alla lunga hanno un calo di rendimento atletico, cedendo il passo ai più pimpanti Polo Bears, sostenuti questa volta da una colorita curva da far invidia al tifo serbo. Milano riacchiappa in extremis la qualificazione ma gioca troppo nervosa, poco gioco corale, con buone trovate individuali e qualche incomprensione. Truffa e Frank ci sono ma lavorano isolati. Bozo si danna, picchia come e più del solito grazie allo scudo del suo aspetto compassionevole. Ma non basta. Eliminati alla prima nel loser bracket. Degli altri [NB: non ho visto tutte le partite, scusate se mancano alcuni commenti]: Cous cous di nuovo con Matteo, in crescita guidati da Robben sempre più volitivo! Rugo Team come sempre: tanto cuore e nessuna paura, ma occhio alle mazzate.
Simpatica apparizione dei nuovissimi Piacentini “I Ruotanti”, nel ruolo di squadra materasso che all’inizio è toccato a tutti noi.
Daje, non mollate!!

La fase finale

Accumuliamo strada facendo altro ritardo oltre a quello di partenza, per cui sul calar delle tenebre vengono accese le luci e si celebrano finalmente le partite più succulente. I Polodervishi, gli Unlucky Strike (Mario e Quentin da Genéve e Nora da Milano) e i Tigers sono a punteggio pieno e cominciano a scornarsi tra di loro. Siamo bravi e riusciamo a piegare gli ugro-elvetici e guadagnare la semifinale con le tigri. Finalmente l’attesa occasione per consumare la vendetta che motiva sia me che i Malaforca è alla portata. Partiamo male. Io in porta mi faccio infilare da un preciso rovescio tipico di Cento. Siamo indietro di due a zero ma rimontiamo e pareggiamo poi di nuovo loro , di nuovo noi, di nuovo le Tigri: un gol imprendibile sotto il sette di Tobia (in gran spolvero mi pare, non ostante gli acciacchi che lamenta:) La partita finisce sul 4 a 3!! Insomma le reti finora violate solo una volta da Mario si riempiono di palline tigrate. GRRR. Partita senza sconti da ambo le parti, con voli pindarici addosso agli spettatori, fuori dalle sponde (un pò troppo basse a mio avviso), mazze sradicate dalle mani e diverse spallate date e ricevute. Alla fine però nessuno s’è fatto male. Io esco con una sensazione bruciante di avere ancora birra da dare… ma più tardi capiremo che questa era “LA” partita da vincere.
Comunque, un match di pausa e poi ci scontriamo nel loser bracket, di nuovo contro Unlucky Strike.
Qui paga l’esperienza: si sono fatti battere la prima volta, la seconda ci prendono le misure, Mario è sgusciante e imprendibile, Quentin roccioso e Nora non fa sconti a nessuno, sbacchetta e protegge, para e riparte. Insomma quantunque noi ci si provi, non entra proprio nulla. Passano i minuti e lo svantaggio aumenta, così come in un copione già scritto ci rovesciamo in avanti rabbiosamente e veniamo puniti in contropiede. Uno sfacelo: 5 a zero disonorevole e a mio avviso menzognero. Ma si sà che chi perde accampa sempre vaghe scuse.
E’ finale: Gli Unlucky Strike provengono dal loser bracket e devono vincere due volte la finale per mettere le mani sul trofeo.
La prima finale è una arena di sudore e polo.
Mario è salito moltissimo e il morale è alto. Riescono a piegare le Tigri che si dibattono con furore.
Pausa, è oramai buio e viene acceso un faro dal palco sul fondo.
Tutti sono stanchi, distribuisco la cioccolata che mi resta ai giocatori e si va alla seconda finale. Impressioni al volo: Nora :< Stò ciocando ti merta! > Cento: < … la vedo male, mi sa che loro son più freschi…>
Lascio che sia il filmato a raccontare i 20 minuti per niente boring (a dispetto di una voce che si è leva ad un certo punto dal pubblico). Lotta dura, tra due squadre ben disposte nei blocchi e dalle difese ottime e un mattatore per squadra, Mario e il “megaregolare” Cento in grado di lavorare infinite palle e inventare degli assolo improvvisi.
Partita piacevole, molto tecnica, con la giusta dose de core e di spettacolo: eccezionali per velocità e precisione i passaggi tra Mario e Quentin; un paio di gol di Tobia “tra l’incredibile e lo sculato”. E un Mattia risolutore in porta e fuori, si carica sulle spalle il peso del tiro vincente! Onore agli Unlucky Strike, bravissimi Tigri!
Confesso che all’inizio parteggiavo per Unlucky, ma alla lunga le Tigri hanno meritato applausi e vittoria, nobilitato il livello del torneo e del giovane polo italiano.

Si chiude la giornata con la premiazione (alquanto burlona visto il trofeo: un dildo nero e lucido di cui si fregieranno le tigri nei rispettivi privè); cerchi Dodici per Unlucky Strike (per gentile concessione dei vincitori che di cerchi ne han Dodici); selle Sanmarco per noi Dervishi (grazie!!). Foto di rito e poi, senza birra ferire, si smonta al volo le sponde perchè ci cacciano dal Leo.
C’è tempo di provare la Tall Bike di Rocco ( ke figata!!) e di scoprire i sapori del risorante nipponico :)))
Alla seconda grappa di rose si ride di qualsiasi stronzata e ciò è bello.
Però poi a letto con il presidente le ultime parole sono per il polo.
Fa male ma è stato comunque bello. Alla prossima.

foto:

http://milanobikepolo.blogspot.com/2010/10/bff-milano-2010-indoor-bike-polo-pics.html?spref=fb&ref=nf
http://www.flickr.com/photos/thedarksideofthemoon/5090418163/in/set-72157625185122088/
http://www.flickr.com/photos/milanofixed/5092838820/in/set-72157625192060728/

7 Commenti

  1. 20/10/2010
    07:54

    ho aspettato con ansia questo report, come al solito preciso e tecnico (dovresti pensare di raccoglierli tutti e fare una pubblicazione).grande come al solito, grazie delle belle parole anche se devo fare alcune precisazioni: 1° siamo arrivati 5 parimerito con i Polo Bears 2° abbiamo disputato 4 partite dopo i gironi e 3° la voce che a un certo punto diceva boring ero io!

  2. rob
    20/10/2010
    10:23

    aho sur titolo del video hai scritto male unlucky, daje correggi prima che se ne accorgono

  3. rob
    20/10/2010
    10:24

    ma poi si è capito che è capitato al povero bozo?

  4. pico maialee
    20/10/2010
    10:47

    correggo riguardo ai Boneshaker…. sorry
    per il titolo me n’ero accorto, ma dappertutto è scritto giusto. e ci vogliono 3 ore di rendering carica elabora formatta su vimeo, quindi sticazzi,.

  5. 20/10/2010
    11:03

    super Marco! massiccio!

  6. rob
    20/10/2010
    11:42

    pensavo che il riporto meneghino fosse questo
    berlusconi_5.jpg

  7. 20/10/2010
    15:43

    Grazie per l”assistiamo all’incredibile” e per le “parate memorabili” che sento mi riguardino visto CHE SONO IO IL PORTIERE, non ci credavamo nemmeno noi! con voi la sconfitta è stata netta ma presa da giocatori VERI! poi tanto Jack tifa Mantova ahahah!

E mo te tocca risponne...

You can add images to your comment by clicking here.

Vedi un po' qua...


Fatal error: Call to undefined function related_posts() in /home/romabikepolo/romabikepolo.org/wp-content/themes/romabp/single.php on line 89