7 settembre
2011
scritto da - il 7 settembre 2011

Digerita la sconfitta e il magro 7° posto dei Carbonari, son di nuovo alla tastiera per il consueto riporto.
Innanzitutto la cornice: pista in perfetto stato, dimensioni ottimali, qualche “ferro” lungo le sponde, ma la location è teatrale, comoda, servita di lungomare/struscio-spettatori, e per i giocatori spiaggia, docce, bar, gazebi per l’ombra. Ristoranti di pesce a buon mercato a minuti 2 dal campo, che vuoi di più?
Dopo Fano, sarà difficile uguagliare l’organizzazione e l’opulenza della Sesta scintillante edizione della Mazza d’oro.
Ma facciamo un passo indietro:
parto giovedì e arrivo che il presidente stà confezionando le reti delle porte. A sera consumo le gomme e la mazza sul Vanvitelli in allenamenti multipli con Tom, Jack, Stephano, Pasquale.
La notte finisce, come potete immaginare, alla centesima Moretti e alla seconda grappa. La mattina di venerdì sono stupido fin dopo il pranzetto di pesce e il riposino sotto l’albero con Pas. Caffè e raggiungiamo il campo del torneo dove intanto ivi son giunti i Pordenonesi , Milano, Perro e Angie. Mi stanco, mi faccio male (accampo scuse per dopo) testo il mezzo Tetanico e , quando arrivano i miei compagni da Roma, chiudo la giornata con un ciuffatissimo throwin Carbonari-Malaforca  3 a 5. Forse la migliore nostra partita, preludio di un torneo da parte mia abbastanza incolore.
Comunque…
La sera finisce a beve ma con moderazione. Si dice che Bozo abbia preso a bottigliate la ferrovia, ma io già dormo.
L’indomani si incomincia… Polipolo è in forma e Giorgio sfoggia la sua mister X nera, veloce come un fulmine. Milanesi a e b in luce, ci sono i Rosolino di Bergamo, mai visti prima. Ci sono ben quattro squadre da Catania, l’ultima – la più inedita – schiera due giovanotti svizzeri di Zurigo, tuttaltro che alle prime armi.
Affrontano senza timore reverenziale i più attempati italici e si dice abbiano insegnato a Manù un paio di trucchetti imparati a Catania l’anno passato.
C’è tutta l’Italia del polo, fatta eccezione per le Tigri (in partenza per gli States, a proposito in bocca al Lupo, anzi alla marmotta!) e per le sòle paduane, che ormai stanche di vedersi scippare il trofeo da loro ideato, han deciso all’ultimo di disertare :( Povero Angie che s’è trovato una volta ancora con una squadra rimediata all’ultimo con Matteo di Anonima Cicli al suo esordio. Toscana ed Emilia non pervenute neanche stavolta… (Luca dove sei?)
Noi cominciamo male, le prendiamo dai Polipi e fatichiamo a segnare. Ma insomma, visto che vengono eliminate solo le ultime 4 si stà tranquilli. L’importante è domenica.
Alla fine vengono esclusi: cous cous , rosolino polo, anonimi, team piccante.
Si va a cena di pesce dove il vino scorre a fiumi e la povera pizzeria ristorante Amarcord si vede invasa da 70 polisti ubbriachi e affamati. Si finisce con brindisi ai favoriti, cori di compleanni e annunci di nozze.
A letto che domani si gioca sul serio.
E l’indomani si incomincia quasi in orario, passano tutte le più quotate, tranne li Carbonari contro Reparto Pista, complice la rottura della pipa autocostruita dal sottoscritto (ahimè chi è causa del suo mal pianga se stesso) sul 3 a 1  per i Savoia. Va detto ad onore dei granata, gran partita di Ricky che, rimessosi completamente dall’incidente alla spalla durante l’ultima MDO a Creazzo,  infila tre volte la nostra porta con tiri spettacolari.
Non passa neanche Black Cats: Gianluca si sloga la spalla e abbandona il torneo prematuramente. Sarà Angie a predndere il suo posto.
Al secondo turno Malaforca manda nei looser Milano alpha. Proseguono in quattro: Malafukka, Ladies, Betamilano e Polli.
Nel looser si comincia a fare le prime vittime. escono RC, Yoko polu ( contro li carbonari in una partita tuttaltro che scontata) Ulteam e Prugne.
Io gioco con la Anonima di Sapo (grazie a proposito per la prontissima assistenza di MC bikes che mi permette di giocare uno sprazzo di partita con Tetano, prima di abbandonare per problemi alla corona)
Al secondo turno del looser Roma si prende la rivincita contro Pordenone, eliminando in una tesissima partita i quotati Polipi, e anche i Cardinali si vendicano degli Animali catanesi, restituendo un perentorio 4 a 2. Intanto i winners in gioco restano Polli e Malaforca.
Nel looser Mi-Alpha elimina Torino e il derbi romano dice fine torneo per i Carbonari.
no comment.
Segue il derbi milanese che finisce contro ogni logica 4 a 3 a favore di Alpha dopo un passivo di tre a zero!
Bisogna dire che da qui in avanti il cammino di Alpha è tutto in salita, si vede che le ascese alle vette delle Pipe hanno allenato stì omini alla sofferenza. Quindi dopo Torino e i fratelli beta, Truffa Frank e Bozo macinano 4 a tre i Pink ladies (partita piuttosto fallosa) partendo sempre sotto.
Intanto, i Polli giocano un polo corretto anche se non molto spettacolare e incredibilmente battono la Malaforca accreditandosi alla finale per una incollatura (golden golasso di Federico da solo all’attacco che indovina l’angoletto del presidente dove non batte il sole)
Pausa di reset degli animi: viene estratta a sorte una bicicletta tra i partecipanti al torneo: la piccola Alice accompagnata dal papà Thomas estrae il numero abbinato a Peppina di Catania! Applausi e grazie di nuovo al munifico sponsor.

Torniamo al torneo: Fano ha già battuto Alpha, e Milano ha sofferto le ultime due partite al golden goal. Sono stanchi, si pensa, e invece gli ostici Milanesi partono di nuovo sotto e alla fine, dopo una pausa “tecnica” di Bozo per problemi alla trasmissione della sua Dodici, riprendono il filo e riagguantano il pareggio.
Qui c’è il fattaccio che “invalida” (si è tra virgolette, quindi si può dire) la partita.
C’è un fischio dell’arbitro (Ale di Mantova) si suppone per fallo di Milano, qualcuno si ferma: Jack e Tommy si fermano, la palla finisce a Frank che tira all’indietro verso la porta, Sapo e sulla linea, ma non trattiene, convinto che il gioco sia fermo. Discussioni, recriminazioni, si dice che il gioco non s’è fermato perchè era “vantaggio” dei Malaforca,
Ma allora la palla dovrebbe essere stata in mano a uno tra Jack e Tommy… non a Frank. Mancano tre minuti, Jack chiude la discussione dicendo <Giochiamo!> ma non sono sufficienti i tre minuti per ribaltare le sorti. la partita finisce 4 a 3. La mamma di Giacomo se la prende con l’arbitro.*

Un pò di pausa, e siamo alla finale.
Idratazione,respirazione, i Siculi sono schierati, Milano pure. Il pubblico si accalora. In molti si fermano e chiedono incuriositi chi, come, cosa.
3 2 1 polo. E di nuovo la compagine ambrogina ha la meglio. I Polli sono forti, ma sembrano esitare e attendere.
Ne approfittano gli Alfisti e chiudono la prima finale in testa 4 a 3
Di nuovo pausa. Le rispettive tifoserie galvanizzano i propri giocatori.
Si ricomincia. Stavolta è Catania a prevalere. I loro goal sono bagnati dall’ovazione del pubblico, in gran parte simpatizzanti per i siciliani. Finisce 4 a 2.
E’ invasione di campo, doccia di birra, abbracci e pacche.
Subito si pensa alla prossima edizione in chiave arancini e cassatine, e parte il coro Ca-po-dann-no! Ca-po-dann-no!
Scende la sera e siamo ancora tutti in cerchio per le premiazioni: prima i premi offerti da Anonima Cicli ( una cosa come cinquanta premi…!!) estratti a sorte e infine i premi per i primi tre classificati e la meritata mazza che se ne parte per un viaggio di millecento chilometri!

Chissà la prossima volta in quanti partiranno alla sua conquista, ora che ha varcato lo stretto e alberga tra le manone capaci della comunità polistica probabilemente più a sud d’Europa.
Bravi Federico, Pasquale e Marco! Ve la siete proprio meritata.

*preciso trattarsi del mio personale point of view

 

 

Tags: , ,

20 Commenti

  1. Juanfelipe
    07/09/2011
    22:27

    Ho letto, ho visto le foto e poi ho pianto

  2. Tommy
    08/09/2011
    00:05

    gianfilippo dimostra ancora una volta che non ci vuole bene.

  3. robben
    08/09/2011
    10:29

    emilia pervenuta, noi anche se abbiamo fatto vomitare c’eravamo ;-)

  4. robben
    08/09/2011
    10:32

    p.s.
    mamme vs arbitri non ha prezzo!!!!

  5. marco
    08/09/2011
    10:33

    ops. è vero, mi riferivo a Bologna, Chianciano, Pisa e Lucca.

  6. Roberto
    08/09/2011
    10:41

    certo a farvi buttare fuori da quei peracottari dei cardinali…..
    :-D

  7. Matteo
    08/09/2011
    10:47

    Se è andata come dici – io ero a farmi la doccia! – c’ha ragione la mamma ad incazzarsi di brutto: se l’arbitro fischia, tocca fermarsi, stop. Il vantaggio c’è se NON fischia, ma non mi pare sia il caso.

    Peccato, perchè si ripropone l’eterna querelle degli arbitraggi che condizionano le partite. Sabato sera la lanciammo a mo di provocazione: chi vince la mazza d’oro, organizza ma non gioca; il tris di campioni in carica arbitra. Con tutto il rispetto per Ale – che è stato fermo e deciso in un sacco di occasioni dove ci voleva – quando risolveremo questo nodo allora si potrà cominiciare a parlare di sport piuttosto che di un gioco.

    Altro appunto, ormai a freddo: comincia a stancarmi sta storia della doppia eliminazione. La finale è noiosa, e il looser bracket da una certa soglia in su propone giocatori troppo stanchi e troppo poco lucidi, partite brutte e frammentarie.

    Meglio a sto punto la trottola velocissima del chi perde è fuori: farà rosicare ma è tutt’altro spettacolo, tutt’altro polo. Magari anche con tempi più lunghi invece che i 10 / 12 minuti, dato che così sarebbero meno partite.

  8. 08/09/2011
    11:23

    TUTTI A CATANIA!

  9. robben
    08/09/2011
    11:49

    Matteo presidente.

  10. frank
    08/09/2011
    12:14

    Allora io dico che a parte “lo screzio” la partita milano-pinkladies non è stata tanto fallosa, al di là di quello che dici l’arbitro. Poi la doppia eliminazione a me non dispiace Matteo, in quanto ti dà uan secondo possibilità. Se dopo 4 partite uno è stanco…direi che è meglio che si allena un pò sulla resistenza. Per quanto riguarda il difficile compito dell’arbitraggio, è stato motivo mio di sconforto-tristezza e depressione ( parenti di fede-speranza e carità) durante il torneo di domenica. Quindi Milano seconda grazie al metodo Moggi non è che mi rallegra, ma c’est la vie. pace e pene

  11. 08/09/2011
    12:24

    Frank, se fosse stata un’unica partita la finale, invece di due spezzate, per me alla fine avreste vinto voi. Il vero scontro per la vittoria, se ci pensi, è stato molto di più malaforca-polli, che ha dato al vincitore un vantaggio bello grosso.

    Visto dai miei occhi poi, permettimi, io sto metodo moggi nei vostri confronti non l’ho notato. Magari non ho studiato bene le vostre partite da vicino, ma il fatto che avete raggiunto un risultato enorme (secondi con una finale portata a casa) dovrebbe, oltre che scacciare il dubbio, rallegrarti tantissimo piuttosto che amareggiarti.

    Stai lì, nel meglio del meglio del polo italiano, e la prossima volta parti tra i favoriti. Scusa se è poco :)

  12. 08/09/2011
    13:04

    Per quanto riguarda la doppia eliminazione concordo con Frank. L’allenamento alla resistenza paga in qualsiasi sport e, a scapito dello spettacolo, preferisco sempre avere una seconda chance. Grande prova fisica e di carattere ha dato Milano, rispetto!

    Riguardo allo spinoso tema dell’arbitraggio… bè l’arbitro Pro non ci sarà mai, credo, non essendoci neanche $ nè corsi qualificanti. Ale s’è caricato sulle spalle una responsabilità che nessuno vuole, si è comportato alla grande in gran parte del torneo, un errore ci stà pure. Il mio punto di vista – e lo dice uno che di arbitrare non ne vuole sapere proprio per non trovarsi in queste situazioni- è che in caso di dubbio, in una semifinale, non avrei assegnato un goal contestato, visto anche che il punteggio sarebbe rimasto 3 a 3.
    Ci stà l’arbitro apposta perchè sia uno a decidere e gli altri a lamentarsi :)

    Riguardo al fair play, come dice Valerio non sei tenuto a farlo, ma fa piacere quando si verifica.

  13. frank
    08/09/2011
    13:10

    Comprendo che la mentina da inghiottire questa volta è dolce e non amara, e capisco la questione che dici tu , ovvero che i polli erano belli riposati, ma d’altronde questo è il prezzo da pagare per il ripescaggio! Ho ironizzato un pò sul metodo Moggi, in quanto l’analisi del Carbonaro Tornitore ha fatto uscire una questione importante, che comunque è uscita anche sul HCBPItalia, ovvero quella di far rispettare le regole. Qui ci vuole la federazione arbitri per il bike polo! Ad ogni modo Milano in generale è piu che felice di aver piazzato due squadre nelle prime 5 posizioni, ovvero tra le prime 5 squadre Italiane.Tutti contenti del miglioramento. Solo che poi restano sempre delle cose che fanno rosicare, e questo non mi fà piacere, anzi un pò mi amareggia.
    Contento ma amaro, dolce ma un pò salato.. il polo è un gelato al cioccolato!

  14. 08/09/2011
    15:56

    Il Pollo è un gelato al cioccolato ;)

  15. pas
    08/09/2011
    17:01

    Che dire tanta carne al fuoco, il tuo riporto caro marco è sempre interessante, perfeziona le saldature ma un consiglio cerca di averne il meno possibile(pipe canotto sella etc) tetano ha delle belle geometrie. per quel che riguarda gli al’bitri penso che l’errore ci può stare e che quelli che ci sono stati sono stati random, ho fatto i complimenti ad ale perche’ ha fatto un bel lavoro e se tutti ci prendessimo la responsabilità di farlo, studiare etc. penso capiremmo meglio le difficolta nel dirigere una partita. Sicuramente, e scusate la schiettezza , non penso di aver vinto perchè favorito dall’arbitraggio e non penso che i risultati siano stati stravolti da quest’ultimo, certo tutto è migliorabile ma dipende soprattutto da noi e dal nostro approccio alla partita e al polo in generale. Solo noi possiamo rendere l’arbitraggio più efficace giocando dentro e non al limite del regolamento.Se non era per il bracco perdente milano non giocava la finale mentre penso che se la meritava quindi non sono contro questo format, certo per vincere dal looser ci vogliono tante energie…
    Un abbraccio a tutti e a presto

  16. Tommy Malaforca
    08/09/2011
    21:27

    DIO FULMINI CHI DICE CHE I BIKE POLLO HANNO VINTO CAUSA ARBITRAGGIO!

  17. 12/09/2011
    11:04

    Sicuramente tra i report più belli e preciso.
    Sicuramente a favore del loser bracket.
    Vorrei migliorare sul fairplay.
    Vorrei migliorare il dirty talking.
    Premetto che io ci tengo molto a fano e ai fanesi, e mai vorrei incrinare i nostri rapporti, ma la mia vena polemica è più forte di me e vorrei accendere un faro sull’evento dubbio gol di milano vs malaforca: “avevo la palla e ho scoccato un tiro che ha incontrato la mazza di qualcuno che non ricordo, la palla è passata in possesso malaforca per pochi secondi seguito da un repentino frenk che ha insaccato il gol della vittoria” quindi falli non ce ne sono stati e tanto meno irregolarità…siamo stati avvantaggiati perchè quando abbiam sentito il fischio dell’arbitro non ci siam fermati a chiederci cosa fosse successo, perchè se giochi sai se fai fallo o meno, nel momento in cui l’arbitro ha fischiato dopo aver visto male si è reso conto della regolarità e ha lasciato proseguire proprio perchè dopo il mio tiro che ha incontrato una mazza il possesso è passato ai malaforca, regola del vantaggio, e non c’è stata nessuna irregolarità…io c’ero! poi scusate facciamo girare questa benedetta sfortuna…

  18. 12/09/2011
    11:23

    ah ah… detta così mi pare che ci siamo. sembra funzionare.
    Bozo Champion!!

  19. 12/09/2011
    22:12

    aregà che spettacolo! prima o poi me convinco a passo pure io! daje così!

  20. Matteo
    13/09/2011
    09:31

    daje Ste’, vienici a trovare!

E mo te tocca risponne...

You can add images to your comment by clicking here.

Vedi un po' qua...


Fatal error: Call to undefined function related_posts() in /home/romabikepolo/romabikepolo.org/wp-content/themes/romabp/single.php on line 89